Aida Yespica racconta la crisi (e la storia con Teo)

di Gioia Bò Commenta

Aida Yespica torna ancora una volta a parlare del periodo di depressione nel quale è caduta subito dopo la nascita del figlio Aron, quando la sua storia con il calciatore Matteo Ferrari era ormai agli sgoccioli:

La depressione è una brutta bestia soprattutto se scatena gli attacchi di panico. Panico nell’affrontare le persone, il quotidiano, gli affetti, insomma tutto. Io non riuscivo più ad andare nemmeno in tv. Ho rifiutato anche la fiction ‘Capri’. Soffrivo per amore. Per la rottura con il mio ex Matteo Ferrari. Non riuscivo più a far l’amore con un uomo.

E ancora:

Ricordo che lo scorso febbraio era prevista una mia ospitata a ‘Domenica Cinque’. Due ore prima di entrare in studio, mi sono guardata allo specchio e ho sentito il fiato che mi mancava, mi tremavano le gambe e piangevo. Ho staccato il telefono e sono rimasta a casa. Scappando, credevo di aver risolto il problema. Sbagliavo.

Poi sono venuti mesi difficili, duranti i quali la Yespica veniva spesso chiacchierata con questo quell’altro uomo, quasi non sapesse dove piantare la bandiera o su quale riva approdare. Ad un certo punto sembrava anche che potesse rinascere qualcosa con Matteo Ferrari, quando la Yespica si trasferì per qualche tempo in Turchia per curare amorevolmente il calciatore rimasto vittima di un infortunio.

Ma evidentemente quello non era il sue destino, se è vero che qualche giorno fa la showgirl è stata beccata mentre baciava appassionatamente Teo Mammuccari nella notte milanese. Foto molto esplicite, che non potevano non trovar conferma nelle parole dei due interessati, tanto che lei non ha neppure tentato di smentire. Ed ora a distanza di qualche giorno la bella Aida ammette:

Il colpo di fulmine è scoppiato durante la registrazione di ‘Fenomenal‘. Lui è un vero uomo per il quale perdere la testa.

Speriamo che duri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>