Amanda Bynes attacca Rihanna su Twitter, molestata da un poliziotto

di Elide Messineo Commenta

amanda bynes

Amanda Bynes continua a dare il peggio di sé, soprattutto su Twitter, dove ha deciso di attaccare Rihanna con parole poco piacevoli, tirando in ballo anche le violenze che la popstar subì da Chris Brown nel 2009.

Amanda Bynes pochi giorni fa è stata arrestata per possesso di marijuana ed ha accusato un poliziotto di averla molestata sessualmente. Come se non bastasse, ha deciso di dichiarare guerra a Rihanna direttamente via Twitter:

@Rihanna, Chris Brown ti ha picchiato perché non sei abbastanza carina

Rihanna era tornata insieme a Chris Brown in mezzo a tante polemiche, i due si sono lasciati da poco, ma la cantante di Diamonds non ha esitato a replicare all’attacco:

Vedete cosa succede quando cancellano ‘Intervention’?

Intervention è il reality americano che racconta le vite dei vip in rehab, la Bynes non si è fermata ed ha risposto nuovamente:

A differenza della tua brutta faccia da c… non faccio uso di droghe. Sei tu che hai bisogno di un intervento cagna. Ho visto la tua brutta faccia di persona. Non sei carina e lo sai

Amanda Bynes ha poi cancellato i messaggi, ma nell’era digitale non si fa mai in tempo, c’è sempre qualcuno talmente veloce da riuscire a salvarli e per questo la conversazione è subito finita in rete.

Per quanto riguarda le molestie subìte dal poliziotto, Amanda Bynes ha raccontato la sua versione dei fatti dopo essere stata beccata a fumare marijuana alla finestra della sua abitazione a New York. Ha spiegato di essere stata molestata proprio il giorno prima dell’arresto, aggiungendo che la polizia ha fatto irruzione in casa sua proprio nel momento in cui aveva deciso di denunciare i fatti.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>