Antonella Clerici e la seconda possibilità ad Eddy

di Valeria Douglas Commenta

Siete liberi di condividere o no. Fatto sta che per Antonella Clerici,un grande amore merita una seconda possibilità. E così la conduttrice ha deciso di chiudere un occhio e di tenersi stretto il suo Eddy Martens nonostante quest’ultimo – un po’ di settimane fa – fosse stato pizzicato assieme ad un’altra donna, con tanto di foto date in pasto alla stampa.

Come ha dichiarato Antonellona sulle pagine di Oggi:

Questo incidente nella coppia, pur grave e doloroso, ci ha dato uno scossone. A me e a Eddy. Indipendentemente da come andrà a finire, sarà servito a tutti e due. Tra noi c’era qualcosa che non funzionava e va ricomposto. certo, le foto mi hanno fatto infuriare. Cos’avrebbe fatto qualunque donna, al posto mio? Ho chiesto spiegazioni al mio uomo e ho anche pianto. Sentissi che urla, l’avrei ammazzato.

La Clerici è piuttosto lucida:

Eddy ha comunque la sua colpa: di essersi trovato lì, a quell’ora, in atteggiamenti di confidenza con una donna che non ero io… Mi ha mancato di rispetto come donna e come mamma, perché il suo non è stato certo un comportamento da padre di famiglia… Ha commesso una grande leggerezza e mi ha ferita. Ma non credo a una relazione né a una situazione di intimità con quella ragazza. Npn ho perdonato. Perdono è una parola cristiana, ha un significato profondo. Non è che uno perdona, uno ama: è diverso. Non dimentico la ferita e non sono la donna disposta a tutto pur di tenersi il proprio uomo, anche se c’è una bimba meravigliosa come Maelle. Io, noi, ci stiamo dando un’altra possibilità perché c’è ancora un sentimento, altrimenti avrei rinunciato. Se Eddy si fosse davvero innamorato di un’altra persona, o a me capitasse altrettanto, non ci sarebbe motivo di insistere su una storia finita.

Tutto superato dunque. O quasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>