Elisabetta Canalis: George mi ama!

di Valeria Douglas Commenta

Non voglio neanche provare a immaginare i numerosi danni che una storia d’amore del genere – perché ormai abbiamo la conferma che di amore vero si tratta – abbia potuto fare sulle donne italiane (e non solo). Forza e coraggio, non è ormai più tempo per strapparsi i capelli o mangiarsi le unghie.

George Clooney ed Elisabetta Canalis vanno d’amore e d’accordo da 12 lunghi mesi,  non intendono affatto lasciarsi, la loro relazione non è una montatura e la verità ce la sbatte in faccia Eli su Vanity Fair.

Credevo che il lavoro per me sarebbe sempre venuto al primo posto. Sono stata smentita. La mia vita sentimentale ha preso il sopravvento.

Ma com’è la sua vita americana?

A volte i paparazzi mi seguono al supermercato, ma dopo un po’ si stufano. Sono meno ossessivi dei loro colleghi italiani. Posso uscire a cena con il mio uomo senza essere particolarmente perseguitata. Mi ha fatto però effetto, l’altro giorno, sentirmi domandare dalla cassiera della Conad di Alghero:  ‘Ma è vero che sei fidanzata con lui?’.  Sì, è vero: stiamo insieme. Ho saputo di donne, anche nomi importanti, che per questo hanno tolto la sua foto dal desktop del computer. Forse sono un po’ troppo stressate. Ma alla fine, la miglior rivalsa nei confronti degli invidiosi è la tua felicità. Perché è quella che non ti perdonano.

Insomma, Elisabetta è felice e non potrebbe davvero chiedere di più (e ci credo).

Io sono insicura per indole, ma sei amata ti senti sempre splendida. È l’idea di essere così amata che mi sorprende. George è la persona grazie alla quale la mia vita ha ripreso colore. Mi sento bene, leggera. Come quando avevo 18 anni.

E speriamo (per lei, mica per noi…) che la storia d’amore continui e non si riduca a essere un amore adolescenziale. Dei 18 anni, appunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>