Heather Parisi scomparsa insieme alla famiglia

di Elide Messineo Commenta

Dove sarà andata a finire Heather Parisi? A leggere “scomparsa” si potrebbe pensare al peggio, ma il problema è che la ballerina americana, ormai adottata da tempo dall’Italia, è letteralmente scomparsa dal suo paese nel vicentino, insieme a tutta la sua famiglia. Simbolo degli anni Ottanta, con pezzi come “Cicale” e “Disco Bambina”, la Parisi se la sarebbe data a gambe insieme al marito, Umberto Maria Anzolin, per problemi finanziari.

La coppia, insieme ai gemellini nati un anno fa, viveva a Montorso, dove la gente si chiede che fine abbia fatto la famiglia, che sembra avere parecchi conti in sospeso in paese. Il marito della ballerina, infatti, già nel 2010 aveva annunciato la messa in liquidazione delle Concerie Anzolin spa,  ma qui si parla addirittura di frodi fiscali e truffe.

Le chiacchiere, ovviamente, sono da prendere con le pinze. Non appena si sono diffuse le prime voci, son venute fuori le più svariate teorie, tra cui quella in base alla quale Heather Parisi richiedeva uno stile di vita troppo al di sopra delle possibilità della famiglia e per questo Anzolin adesso si ritroverebbe nei guai fino al collo. Le dicerie continuano anche per quanto riguarda i loro avvistamenti: secondo alcuni sono andati a finire in Thailandia, a Bangkok, secondo altri sono ad Hong Kong, in Cina. In ogni caso Heather Parisi, che tempo fa ha provato a cimentarsi dietro la macchina da presa (nel 2009 ha girato “Blind Maze”), potrebbe pensare ad un nuovo film basato su questa surreale vicenda.

Da qualche tempo la Parisi non era più al centro dell’attenzione, ma lo scorso anno ha rilanciato la sua immagine in qualità di mamma di due splendidi gemellini, Elizabeth e Dylan, nati quando l’attrice e cantante aveva cinquant’anni. L’evento ha suscitato molto scalpore proprio per l’età di Heather, ma ha contribuito a dare il via alla schiera di mamme over 40, proprio come Gianna Nannini. Speriamo, però, che non venga seguito l’esempio della fuga all’estero dopo aver frodato un bel po’ di persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>