Carlo e Camilla, c’è crisi (economica)!

di Valeria Douglas 2

Carlo - Camilla

Suvvia, il periodo nero dell’economia mondiale tocca un po’ tutti. Anche quelli che non hanno mai dovuto preoccuparsi di spendere qualche cent in più. Ecco allora il Principe Carlo rendersi conto che i conti – appunto – non tornano. E che si fa in casi come questi? Si corre ai ripari tagliando le spese annuali di almeno 500mila sterline.

Il quotidiano britannico The Guardian spiega tutto nel dettaglio. In realtà sembra che Carlo continui a guadagnare in un anno ben 18 milioni di sterline, ma poi dica addio alle vacanze in Svizzera e sì a quelle nella dimora scozzese. Per Camilla, sia chiaro, stesso trattamento: no alla tradizionale gita in barca a vela in Grecia e no a nuovi abiti in un guardaroba già straripante. Quindi, in questi casi, si va al riutilizzo dello stesso vestito in più occasioni. Pazienza se toccherà fare per un po’ la figura della ‘pezzente’.


E ancora, una notevole diminuzione del consumo di energia elettrica nell’abitazione di Clarence House (il principe avrebbe fatto installare dei contatori che avvertono quando si consuma troppa energia per rispettare l’ambiente, dice lui), e un taglio anche nello staff. Una moria generale, insomma.

Ma basti pensare allo spreco che si è avuto solo nel 2008: due viaggi a lungo raggio della coppia – in Asia e Sud America – che hanno pesato non poco sulle tasche altrui. Viaggi non di relax e assolutamente utili, ha però spiegato il portavoce di Carlo, Paddy Harveson.

Siamo stati in Brasile per incontrare il presidente Lula e parlare del cambiamento climatico, poi in Giappone per un incontro con il primo ministro e in Indonesia per parlare di deforestazione. Il principe e la duchessa non hanno scelto volontariamente di fare questi viaggi. Li hanno fatti su richiesta del governo. E’ molto importante che la Gran Bretagna mantenga buoni rapporti con i Paesi chiave oltremare. E’ ancora più importante in questo periodo economicamente difficile.

Sì sì, come no.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>