Carolina ed Ernst di Hannover litigano per il vino

di Valeria Douglas Commenta

Carolina Di Monaco - Ernst di HannoverVe l’avevamo anticipato un mese fa che c’era qualcosa che non andava tra Carolina di Monaco e il suo terzo marito Ernst di Hannover. A tal punto da arrivare a parlare di rottura. Meglio, divorzio. Da giugno la coppia non appare più insieme in pubblico e Carolina, con la figlia Alexandra, è già da tempo rientrata nel Principato e vive nella villa di Sain Martin.

Un rancore per la chiusura di questo matrimonio che avrebbe portato addirittura lei – almeno così dicono le fonti e il portavoce del Tribunale regionale di Hildesheim, in Germania – a testimoniare contro il marito per una vecchia vicenda  (nel 200 Hannover aggredì violentemente un architetto proprietario di un locale).

E adesso i litigi dei due continuano e si spostano in cantina. Sì, avete letto bene, un cambio di location inaspettato. Insomma, se fino ad oggi non è stata ufficializzata la separazione  (la casa reale monegasca si è infatti chiusa in un misterioso riserbo negli ultimi mesi) è perché i due non riescono ad accordarsi sulla separazione dei beni, in particolare modo sulla cantina di Fontainebleau. Altro che dimore e gioielli di famiglia.

Entrambi estimatori del buon vino, in dieci anni di matrimonio Carolina ed Ernst hanno dato vita ad un angolo di paradiso, una vera e propria enoteca nella taverna della loro residenza parigina. Carolina, per la scelta delle migliori bottiglie, si era addirittura rivolta al celebre Vintages, winebar del quartiere finanziario di Boston.

Insomma, i due avrebbero collezionato prestigiose etichette come litalianissimo Mormoreto dei Frescobaldi, che sarebbe tra i principali motivi del contendere tra la coppia reale.

Addirittura, secondo Affari Italiani, nella cantina parigina si sarebbe consumata qualche settimana fa una rissa tra i due coniugi per contendersi le preziose bottiglie. Una cosa è certa: per la prima volta nella storia, avremo una separazione combattuta fino all’ultima sbronza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>