Cate Blanchett non rinuncia mai alla sua maschera!

di Gioia Bò Commenta

Chi ha detto che le star non facciano sacrifici per vivere meglio? Certo, a vederle sembrerebbe che vivano in un mondo fatato, eppure hanno i loro grattacapi e devono spesso soffrire per mantenere un aspetto presentabile.

Pensate che Cate Blanchett deve “sopportare” una maschera di bellezza per cinque giorni a settimana per avere una peelle sempre giovane e distesa.

Mi direte che molte donne ricorrono a questo trucco e che non c’è bisogno di avere i soldi di una diva per potersi permettere il trattamento.


Si, ma la protagonista di “Elizabeth: The Golden Age”, non si limita a sfoggiare il viso impiastricciato tra le quattro mura della sua casa, ma, anzi, giura di non avere assoltamente problemi a presentarsi in pubblico conciata come un clown.

Uso una maschera ogni giorno, per circa cinque giorni a settimana, anche quando giro i film o vengo invitata a un evento. Ho superato l’imbarazzo di presentarmi con queste in pubblico, mentre guido sulle strade di Los Angeles, o davanti a scuola.

Beh, siete avvertiti: se capitate dalle parti della California e vi trovate davanti una bella signora con una pellicola di crema sul viso, non pensate di essere piombati in un centro estetico a cielo aperto. E’ solo la signora Blanchett che sta facendo i lavori di restauro, con tanto di calce e cemento!

Ora capiamo perché il Principe Filippo non l’aveva riconosciuta alla serata di gala organizzata dalle parti di Buckingham Palace, scambiandola per un tecnico della tv.

Vi ricordate? Voleva farsi dare consigli per far funzionare un lettore dvd, che non voleva proprio saperne di fare il proprio dovere. All’epoca tutti pensammo che il consorte della Regina Elisabetta fosse un rimbambito cronico, ma ora ci viene qualche dubbio in proposito: ma Cate quella sera aveva una maschera?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>