Flavia Pennetta, il lato sexy del tennis (gallery)

di Gioia Bò Commenta

Il tennis italiano non è ai vertici delle classifiche mondiali come ai tempi di Pietrangeli e Panatta, ma a livello femminile non ci possiamo certo lamentare, potendo contare su tenniste come Francesca Schiavone o Flavia Pennetta.

La seconda, in particolare, ha stabilito una serie di record personali e non ha certo intenzione di fermarsi ora che la carta di identità segna ventotto primavere. Flavia Pennetta è stata infatti la prima tennista italiana ad entrare nella top ten WTA, inanellando una serie di 15 vittorie consecutive nel 2009.

Nel febbraio di quest’anno ha poi stabilito un nuovo primato, salendo fino alla prima posizione della classifica nel doppio (insieme a Gisela Dulco), impresa mai riuscita a nessun italiano, maschio o femmina che sia.

Concreta, elegante, testarda quanto basta, incredibilmente sexy quando prende a racchettate la pallina gialla, la Pennetta ha cominciato a giocare in tenerissima età, spinta dai genitori e dalla nonna che volevano farne una tennista professionista. Il sogno si è avverato nel 2000, quando la Pennetta entrava nella categoria pro per giocare contro le migliori tenniste del mondo. Da allora è stato un crescendo di emozioni e di successi fino alla conquista dei record che l’hanno portata nella lista che conta.

Destra naturale, con una predilezione per le superfici dure ed una grande passione per Monica Seles, la Pennetta culla da tempo un sogno: vincere almeno uno slam in carriera:

Quando vincerò uno Slam? Speriamo presto… Se dovesse succedere ancora in Italia sarebbe un casino. Quando sei in campo, con tanta gente che ti incita e urla il tuo nome, tutto diventa possibile.

E allora la aspettiamo il prossimo mese agli Internazionali di Roma, nella speranza che il sogno diventi realtà e che si possa incoronare una tennista italiana nel torneo principe del Belpaese. Nel frattempo ci godiamo qualche immagine di Flavia in azione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>