Belen: il vero scandalo è la velina al governo

di Gioia Bò Commenta

Che ci piaccia o no, è lei il personaggio del momento! Belen Rodriguez è protagonista più che mai, un po’ per la sua storia con Corona, che in un modo o nell’altro finisce sempre per fare notizia, un po’ per la prossima partecipazione al Festival di Sanremo e un po’ per la presenza nel cinepanettone.

Logico quindi che tutti gli occhi siano puntati sulla sua bellezza, ma anche sulla capacità di creare scandali ad ogni passo, almeno a detta di un certo tipo di stampa (noi compresi). Ma non provate a farglielo notare, perché lei ha sempre la risposta pronta ed in occasione della presentazione di Natale in Sud Africa, si inalbera non poco sull’argomento:

Il vero scandalo è chi è in politica ed ha fatto calendari. Lì c’è vero clamore. Io sono sempre accusata di scandalo, ma faccio la show-girl!

Beh, stavolta un po’ di ragione bisogna dargliela, non credete? Quanto al suo essere onnipresente in tv, al cinema, sui giornali, Belen controbatte:

E’ vero che sto dappertutto, ma vorrei chiedere a qualsiasi ragazza se rifiuterebbe di fare le cose che propongono a me, ovvero cinema, tv e il festival di Sanremo.

A fronte di tante critiche verso la prezzemolina, bisogna però registrare il complimento di Massimo Ghini, che recita accanto a Belen nel cinepanettone:

Belen mi ricorda Monica Bellucci sotto molti aspetti, a partire dall’accanimento della stampa, di molta stampa, nei suoi confronti. L’accusano di essere popolare senza aver fatto nulla e lei, giustamente, si difende dicendo: ‘ma che volete da me? Perché mi aggredite? Datemi tempo’. Il suo caso mi ricorda quello di Monica Bellucci  perché nel 1991, quando esordì al cinema al mio fianco ne ‘La riffa’ , la sua scelta fu contestatissima dai media e da molti miei colleghi. Ricevetti molte telefonate indignate in cui mi accusavano di aver accettato di lavorare con una… modella.

E voi che ne dite? La bella Belen può reggere il paragone con la Bellucci?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>