Possibile che Morgan debba parlare sempre di Asia Argento? Va bene che è la mamma di sua figlia… ma più che un amore finito, sembra un incubo insuperabile!

Infatti, per l’ennesima intervista – stavolta su Vanity Fair – il cantante non ha parlato solo dei progetti futuri come il rientro nel gruppo storico dei Bluvertigo, ma di come si sopravvive a un amore, compresi i tradimenti che possono capitare.

Tanto che oggi:

Le donne non entrano a casa mia. Ma vorrei flirtare un po’ di più. Ultimamente flirto troppo con la mia libreria.


Ma che tristezza sto’ ragazzo! Eh, ma non immaginata quanto abbia sofferto…

Sono passato attraverso una cosa mortale. È una nuova vita questa, perché quell’altro Morgan è morto. Anzi, è stato ucciso. Quella persona con tanta speranza, tanta buona volontà, tanta voglia di essere anche un padre, è stato assassinato, quindi non c’è più, io sono un altro oggi, non so che cosa mi succederà. Lavoro molto, e aiuta. Ma anche se è finita dentro di me, mi ritorna la tristezza: abbiamo una figlia.

Morgan ha combattuto fino all’ultimo affinché il rapporto con Asia ritornasse sulla retta via, ma da soli non si puo’ far tutto, soprattutto se dall’altra parte non c’è collaborazione…

Asia sosteneva di essere insieme a me, ma poi aveva vite parallele. Lo scorso agosto diceva di essere innamoratissima e poi mi arrivavano sms che lei sbagliava a mandare a me e che invece erano destinati a qualcun altro, dove si vedeva la sua infedeltà assoluta. Lì mi sono cadute le braccia.

Ci sarà una risposta a tutto ciò? Difficile, Asia è impegnata con il suo nuovo amore, la sua nuova gravidanza, e il progetto musicale che la vede dj nella tripla compilation, in vendita tra due giorni.

Il primo cd sarà dedicato alla musica elettronica, il secondo al rock e il terzo a canzoni malinconiche, quelle che la stessa Asia definisce il suo “pane quotidiano“.

Evviva l’allegria! Certo che tra lui e lei… sceglierei non saprei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>