Ambra Angiolini: “La bulimia è fame d’amore”

di Elide Messineo Commenta

Ambra Angiolini

Ambra Angiolini continua a lavorare con un certo successo nel mondo del cinema e al momento sta promuovendo il film Ti ricordi di me? ma è stata intervistata da Io, donna ed ha parlato anche del suo dolore interiore.

Ambra Angiolini confessa senza perdere tempo di avere dei problemi a gestire le emozioni e non nasconde le sue problematiche:

Ho un problema con le emozioni: non so gestirle perché sento tanto. Ogni cosa, anche negativa, mi rimane dentro, si ferma e resta lì. Avverto un conflitto tra quello che sembro e quello che sono. So che le persone pensano di conoscermi da ciò che leggono nelle interviste, ma non sempre passa la cosa giusta.

La Angiolini è diventata famosa da giovanissima, erano i tempi di Non è la Rai quando conosceva il mondo della tv, ma con il tempo è cambiata:

Gianni Boncompagni mi ha preso dalla periferia romana che non sapevo far proprio niente e mi ha passato milioni d’informazioni, ma soprattutto mi ha insegnato l’ironia e a non puntare sulla popolarità. Staccarmene è stato difficilissimo: dovevo mantenere alto il genio che non avevo. Dopo c’è stato un buco nero: per anni ho fatto solo cavolate. Ero buia, c’era poco sole. Quando sei adolescente, non sei più quella che eri, non sai cosa sarai.

In quegli anni “bui” Ambra ha sofferto di bulimia, malattia che lei definisce così:

Non è ricerca della perfezione fisica, è fame di amore, è un vuoto che non si riempie mai.

Da quando il compagno Francesco Renga le ha chiesto di avere il primo figlio, la situazione si è stabilizzata ed oggi Ambra Angiolini si sente una persona migliore e realizzata:

Una donna a cui dicono che sembra in stato di grazia. Quando ti riunisci a te stessa e non ti poni più il problema di come appari, quello che sei si vede..

Photo Credits | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>