Rosa Fanti, conosciamo la compagna di Carlo Cracco

di Elide Messineo Commenta

Da abilissimo chef a star della tv, con Masterchef Carlo Cracco ha conquistato il pubblico, soprattutto quello femminile, ma non ha mai lasciato trapelare molto della sua vita privata. Conosciamo invece Rosa Fanti, la sua compagna e madre di Pietro, nato sette mesi fa.

Carlo Cracco e il suo fascino irresistibile hanno fatto impazzire le fan di Masterchef, il talent culinario che ha ottenuto un successo strepitoso anche nella sua versione italiana. Lo chef ha due figlie, Sveva e Irene, nate da un precedente matrimonio, ma quattro anni fa è stato fatale l’incontro con Rosa Fanti, che per la prima volta si espone pubblicamente e racconta la sua storia d’amore con lo chef più famoso d’Italia sulle pagine di Vanity Fair.

Dopo aver incontrato Cracco ad un evento, Rosa Fanti ha ricevuto un messaggio anonimo con scritto “Piacere di averti conosciuto“, dopo due giorni lo chef era nel suo studio ed è stato amore. Tuttavia Rosa ha avuto qualche dubbio iniziale, legato principalmente all’età: lei ha 30 anni e lui 47, oggi però i due sono diventati genitori di Pietro e lei è diventata sua compagna di vita ma anche professionale:

Mi attirava quella sua sicurezza, come se mi conoscesse da sempre e avesse già deciso come sarebbe andata tra noi. Ma ero anche spaventata. Un uomo tanto più grande di me, per giunta già sposato e con figli: non era la storia che immaginavo.

Ma resistere al fascino di Carlo Cracco è stato impossibile, in questo momento Rosa Fanti è la donna più invidiata d’Italia e racconta come sono andate le cose dopo il fatidico incontro:

Mi svegliavo ogni mattina alle sette per leggere il suo sms: me ne mandava sempre uno, quando rientrava dal ristorante alle due, per augurarmi la buona notte. Quando è venuto a casa mia, come prima cosa ha aperto il frigorifero. Dentro c’era solo una confezione di piadine precotte e una mozzarella: volevo morire. Carlo l’ha richiuso e mi ha detto: “Da domani la spesa la faccio io”. Il giorno dopo si è presentato con dieci sporte piene di cibo: “Non toccherai mai più un fornello”. Poi si è messo a cucinare, piccione con patate e castagne. L’ho assaggiato e lì ho capito: sono fritta.

Per Rosa, Carlo è l’uomo della sua vita, che nasconde al pubblico alcune fragilità ostentando tutta la sua sicurezza, ma che nel privato è un uomo dolce e sensibile. E adesso anche un sex symbol:

Se va a riguardare le vecchie foto, si renderà conto che Carlo non è mai stato un bello, e non è abituato a essere considerato tale. Negli ultimi anni certo è cambiato: i capelli, la barba, i vestiti. Ma fare questo effetto sulle donne lo mette a disagio. E io me la rido.

Ovviamente il sentimento è reciproco, perché Carlo Cracco parlando della sua compagna, dichiara:

Ci siamo guardati e capiti in tre secondi. Non mi è mai capitato con nessun’altra donna: è stato come una scossa di terremoto. Rosa non è una morbida, al contrario è decisa, ti fa correre. La mia donna ideale: è concreta, ti dà sicurezza, ma ti accompagna anche quando voli, anzi ti spinge a volare ancora più in alto.

Lo chef è stato sposato in passato, a 29 anni il primo matrimonio, poi la separazione, un periodo che non è stato affatto facile:

Io non mi tiro indietro. La separazione, certo, mi ha fatto soffrire parecchio: purtroppo i problemi li causano più gli adulti che i bambini. Ho dato tutto me stesso per sanare la situazione con le mie figlie, che sono la cosa a cui tengo di più in assoluto. Mi sono fatto in quattro, ho sopportato tanto, ma ne è valsa la pena: oggi le bambine vogliono un sacco di bene a Rosa e a Pietro.

Ma adesso le cose vanno a gonfie vele, sia nel lavoro che nella vita privata. Le fan di Carlo Cracco staranno già sospirando, con gli occhi sognanti, pensando a quanto sia fortunata Rosa Fanti.

Photo Credits | Vanity Fair

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>