Il Principe Carlo si regala una settimana di feste ed una casa

di Gioia Bò 1

Venerdì compirà sessanta anni, ma i festeggiamenti sono già iniziati e continueranno per tutta la settimana. Del resto lui è un principe, nientepopodimenoché il Principe Carlo d’Inghilterra, e da quelle parti ci tengono a festeggiare degnamente qualunque occasione.

E allora via ad una settimana di eventi mondani sia pubblici che privati, ma con un denominatore comune: lo sfarzo, il voler dimostrare lo splendore della casa reale.

Si comincia con una cenetta a quattro in una delle capitali più romantiche d’Europa, Parigi. A fargli compagnia al tavolo, l’altra sera c’era il Presidente Nicolas Sarkozy con la sua dama, oltre a Camilla naturalmente.

Questa sera invece il Principe dovrà presiedere ad un galà di beneficenza, in favore dell’associazione da lui stesso creata. Serata noiosa come spesso accade alla corte inglese? Macché! Per ravvivare il clima sono stati chiamati due attori comici, Rowan Atkinson (Mr Bean) e Robin Williams, che sapranno di certo come far divertire gli invitati, convincendoli peraltro ad elargire generose donazioni.

Per domani poi è prevista la festa in famiglia a Buckingham Palace. Niente di particolarmente impegnativo, giusto 75 invitati, allietati dalle note della Philarmonic Orchestra, che però dovrà fare a meno della presenza del Maestro Muti, indispettito dalle continue intromissioni reali e scappato a gambe levate dalla corte di Sua Maestà.

Ma la serata più attesa sarà quella di sabato, organizzata da Camilla nella tenuta di Highgrove. Qui si presenteranno (immaginiamo non a mani vuote) duecento invitati, impegnati a cantare Happy Birthday al Principe mentre soffia sulle candeline e scarta i 60 regali ricevuti dalla sua dolce metà. Apprezzerà il contenuto dei pacchetti? Chissà…

Intanto, per non restare deluso da doni inutili, il Principe ha già provveduto a regalarsi una residenza da sogno in terra scozzese: una buona sistemazione dove potersi ritirare nell’attesa che mammà si decida a lasciare il trono libero…

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>