Regina Elisabetta: basta spese folli!

di Gioia Bò 3

C’è aria di crisi finanziaria anche dalle parti di Buckingham Palace e da ora in poi anche i componenti della famiglia reale saranno chiamati a fare economia. A suggerirlo (o imporlo?) è la Regina Elisabetta in persona, nota per le sue doti di sparagnina e per la capacità di riciclare anche ciò che sembra perfettamente inutile.

Ma di questi tempi la parola d’ordine è risparmio e tutti sono obbligati a seguire le regole, specie i nipoti sciuponi William ed Harry, che forse già sognavano di spendere e spandere per le prossime festività.

Del resto nonna Elizabeth è la prima a dare l’esempio. Pensate che un paio di mesi fa, in occasione del viaggio in Slovacchia e Slovenia, si è fatta confezionare un abito, usando alcuni metri di stoffa ricevuta in regalo 20 anni fa, durante una visita in Medioriente. E non finisce qui.

La Regina non mostra alcun imbarazzo nel riutilizzare abiti già usati (da lei naturalmente). Sempre nel corso dello stesso viaggio ha indossato sia un abito mostrato qualche mese prima in una cerimonia ufficiale che un completo utilizzato il giorno di Pasqua.

Per non parlare poi del principe consorte… Pensate che Filippo indossa pantaloni comprati 30 anni fa (beato lui che non ingrassa!). E che dire della principessa Anna? La scorsa estate ha pensato bene di tirar fuori l’abito indossato per il primo matrimonio del fratello Carlo, senza preoccuparsi delle chiacchiere di sudditi e stampa.

Insomma, sembrerebbe che l’invito della Regina sia rivolto solo ai due nipoti scellerati, che non badano a spese quando si tratta di festeggiare con amici e fidanzate. Bisogna però ricordare che Elisabetta possiede un patrimonio di ben 375 milioni di euro e che, quando vuole, risulta anche piuttosto magnanima (vedi i festeggiamenti per i 60 anni di Carlo). Insomma, risparmiare va bene, ma ricordiamoci che siamo reali!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>