Il Principe Harry preoccupato per la vita di Chelsy

di Gioia Bò Commenta

Per mesi ci siamo chiesti che fine avesse fatto il Principe Harry, poi improvvisamente è risbucato fuori ed ha ripreso il suo posto da vero protagonista sulle pagine dei giornali.

Tranquilli, non ne ha combinata un’altra delle sue, anzi, si è dimostrato ancora una volta un ragazzo serio e responsabile, come spesso gli accade negli ultimi tempi.

Stavolta lo scopriamo addirittura nella veste di chioccia protettiva, che si preoccupa non tanto per sé, quanto per la salute fisica e la stessa vita della sua fidanzata, che, dopo la sua missione in Afghanistan potrebbere essere nel mirino di Al Qaeda.


Secondo il Daily Star infatti, il principino, appena rientrato -forzatamente- dalla missione che lo ha tenuto lontano da casa per diverse settimane, si sarebbe preoccupato di chiedere protezione continua per Chelsy Davy, che vive a Leeds, dove sta per conseguire un master in legge.

E le paure sembrano essere fondate, visto che su alcuni siti simpatizzanti degli estremisti islamici sono stati aperti dei forum di discussione, sulla presenza di Harry in terra afgana Gli interventi non sono affatto incoraggianti, anzi, ci si augura che il giovane Windsor venga rapito e decapitato e che la testa venga consegnata nella mani della Regina Elisabetta in persona.

Di qui il timore che, non potendo arrivare a lui, continuamente scortato dalle guardie reali, i talebani possano cercare di colpire un bersaglio più facile. E chi meglio di Chelsy?

La giovane sudafricana, dunque, da ora in poi avrà i suoi angeli custodi, mentre Harry continuerà a prestare servizio per la Blues and Royals ed il mese prossimo riceverà anche i gradi di tenente, conquistati sul campo. In futuro potrebbe diventare ufficiale addestratore in tecniche di guerra, anche se l’idea non lo attira molto perché lui non vuole una vita comoda: il suo futuro è il fronte, lui vuole giocare alla guerra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>