Serena Grandi ricorda i giorni del carcere

di Sara Bianchessi Commenta

Serena Grandi, qualche anno fa, è stata coinvolta in una brutta storia di donne e prostituzione che si è poi rivelata una bolla di sapone. L’attrice, archiviata questa dolorosa vicenda, ha voltato pagina e si è buttata nel lavoro.

Serena ha appena terminato di girare, in Spagna, il film Como estrellas Fugaces. Le ferite dell’attrice però non sono ancora del tutto rimarginate. La Grandi ricorda i giorni dell’arresto e del risarcimento ricevuto dallo Stato (Fonte Vanity Fair):

Dall’arresto ci sono voluti sei anni per arrivare all’archiviazione e all’indennizzo di 60mila euro per l’ingiusta detenzione: Esattamente 62mila euro, ma non gioisco, ormai sono svuotata e triste. Hanno fatto un calderone mettendoci dentro droga, prostituzione e festini… Per sette anni ho smesso di fare cinema.

A proposito della sua vicenda giudiziaria, Serena aggiunge:

Un’esperienza bruttissima, essere stata un caso di malagiustizia mi fa male anche adesso. Ho passato 157 giorni agli arresti domiciliari, ma penso anche a tutte quelle persone che sono innocenti.

Speriamo che l’essere tornata sul set la aiuti a ritrovare la serenità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>