Maurizio Costanzo: “Maria è il mio pilastro, ma quanti pettegolezzi imbecilli su di noi”

di Sara Bianchessi Commenta

Quella formata da Maurizio Costanzo e Maria De Filippi è un delle coppie più longeve e potenti della tv. Il giornalista parla del suo rapporto con la moglie, dei pettegolezzi inutili che sono sempre circolati sul loro conto e del suo essere solitario.Costanzo, in un’intervista a Diva e Donna, parla dell’unione con la De Filippi:

Maria è il mio pilastro affettivo. Siamo sposati da sedici anni e stiamo insieme da ventidue. Devo dire, però, che l’altro pilastro sono io. Mi piace stare con me stesso, mi voglio molto bene. Tanta amicizia e solidarietà reciproca, che poi fanno parte dell’amore. Di Maria rispetto molto la memoria e la fedeltà. Non dimentica quello che ho fatto per lei. È stata la mia più grande scoperta da talent scout. La spinsi io a fare tv, lei non se la sentiva.

Recentemente la conduttrice è scoppiata in lacrime durante l’esibizione di un concorrente di Italia’s got talent:

Lei piangeva in televisione e io a casa. Maria ed io abbiamo la stessa ipersensibilità per gli animali. Ci siamo entrambi immedesimati in Cassio, il nostro adorato bassotto che ha tredici anni e che, un giorno non lontano, potrebbe lasciarci.

Il giornalista parla delle voci che sono sempre circolate sul suo matrimonio:

Non mi disturbano affatto. Sono balle, imbecillità diffuse dai soliti giornali. Bassi pettegolezzi che servono a tenere lontana la gente dai temi seri. Per fortuna, una piccola minoranza.

Costanzo è piuttosto solitario e ha pochissimi amici:

Pochissimi amici, sono quasi tutti morti. Mi vedo spesso con Enrico Vaime, con il quale sto facendo un programma che sta andando molto bene, Di che talento sei?, sabato sera su Rai Uno dopo mezzanotte. Ogni tanto mi incontro anche con Alex Britti, giovane e talentuoso amico.

Un’unione molto solida quella tra Costanzo e la De Filippi, al di sopra dei pettegolezzi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>