Yoko Ono è solidale con Heather Mills

di Valeria Douglas Commenta

Yoko Ono, la leggendaria vedova del beatlesiano John Lennon, è dalla parte di Heather Mills, ex moglie di Paul McCartney.

L’artista giapponese oggi 75enne, che da anni si dedicata all’arte con esposizioni in tutto il mondo, ha sentito la necessità di difendere a voce e testa alta l’ex signora McCartney di fronte alle tante accuse che le arrivano quotidianamente.

Yoko, infatti, ha compreso le sofferenze e gli abusi a cui è stata sottoposta la Mills e così, intervistata in occasione di un suo ritorno per qualche giorno nella casa natale di Lennon a Londra, ha detto la sua…


Non è facile, per una donna, essere associata ai Beatles o aver fatto parte della loro vita. Penso che tutte noi mogli abbiamo sofferto, ma siamo state anche capaci di sopportare in silenzio e andare avanti per la nostra strada. Ora Heather deve fare le scelte migliori per se stessa e sopravvivere a questa tempesta.

Quanto a Macca, Yoko non gli ha del tutto chiuso la porta in faccia, ma ha espresso affetto e stima per lui.

Non ho avuto modo di parlare con Paul circa il suo divorzio perché probabilmente è una cosa privata di cui non voleva discuterne con altre persone.

E dedicando un pensiero ai due:

Direi a entrambi che si tratta di una situazione estremamente difficile da affrontare per una coppia, specialmente per persone così in vista, i cui movimenti sono costantemente osservati.

Beh, se Yoko mette bocca in questa chiacchieratissima vicenda, un motivo ci sarà. Basta pensare che stesso lei, ai tempi della relazione con Lennon iniziata nel 1968, fu accusata di plagiare le scelte del marito fino a essere casua scatenante dello storico scioglimento del gruppo nel 1970.

Yoko e Heather? Unite da un forte sentimento di solidarietà, certo. Ma soprattutto, tra streghe ci si capisce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>